“Il Ministero censura il recupero di energia?”

Abbiamo presentato le nostre osservazioni e proposte  al documento “Verso un modello di economia circolare” elaborato dal Ministero dell’Ambiente e messo in consultazione pubblica.

Siamo da sempre attivi sui temi dell’efficienza nell’uso di energia e risorse e già negli anni ‘90 siamo stati promotori dell’edizione italiana di Fattore 4, il testo di Amory Lovins, Hunter Lovins e Ernst von Weizsäcker, diventato ora il testo di riferimento degli indirizzi dell’Europa e degli stati membri, e finalmente citato proprio nel documento in consultazione. Come si sosteneva allora raddoppiare il benessere dimezzando l’uso di risorse naturali è possibile, ed è anche l’unico modo realistico per ridurre l’impatto ambientale della produzione industriale.

Strategia Energetica Nazionale - Ripristinare la priorità per l’efficienza energetica

Necessario un piano di azione per gli usi efficienti del vettore elettrico nel settore

Gli Amici della Terra hanno depositato il documento con proposte e osservazioni rispetto al documento di nuova Strategia Energetica Nazionale (SEN) posto in consultazione. Secondo la presidente Monica Tommasi:“L’impostazione generale della Strategia Energetica Nazionale rappresenta un notevole passo indietro rispetto al documento del 2013.  Sul piano formale, viene persino eliminata la priorità da attribuire all’efficienza energetica, priorità che è invece indispensabile ripristinare”.

Nove associazioni ambientaliste al Governo: "Con la nuova SEN, il Governo annuncia bollette elettriche ancora più care, sacrifica all'eolico nuovi preziosi territori e non persegue azioni efficaci contro i gas serra"

Comunicato Stampa, Roma - 31/07/2017

Cedendo ancora una volta alle pressioni delle lobby dell'eolico, la "Strategia Energetica Nazionale" (SEN) messa a punto dal Governo prepara ulteriori rincari della bolletta elettrica a danno di famiglie e imprese e una nuova ondata di devastazione del paesaggio e della biodiversità. Inoltre, scegliendo di favorire le fonti rinnovabili elettriche intermittenti come strumento prevalente per il contenimento delle emissioni di gas serra, il governo rinuncia ad incrementare azioni più efficaci, relativamente meno costose e più appropriate per il nostro Paese, come la promozione dell'efficienza energetica, delle rinnovabili termiche e della mobilità sostenibile.

La salute dei nostri mari

Dall'inizio della stagione balneare a tutto il mese di luglio i dati rilevati dalle Agenzie regionali per l'Ambiente e da alcune associazioni ambientaliste evidenziano un complessivo miglioramento della qualità delle acque marine di balneazione del Bel Paese; il miglioramento è palese anche nella qualità percepita dai cittadini, come evidenziato da tanti post sui social.

Comunicato Stampa, Roma - 04/08/2017

La qualità delle acque migliora sia in corrispondenza degli oltre 5.500 siti adibiti alla balneazione e regolarmente monitorati dalle Agenzie regionali per l'Ambiente, sia in corrispondenza dei siti non adibiti alla balneazione, come le foci dei fiumi, dove possono concentrarsi inquinanti pericolosi per la salute umana.

  • testata sito 2 250

Tweet

Amici della Terra

RT @ARERA_it: Al via riforma contributo tariffario da riconoscere ai distributori per agli obblighi di risparmio energetico #TEE titoli eff…

Amici della Terra

RT @anparorg: "Attendiamo con ansia, ma anche con ottimismo, l'emanazione dei criteri ambientali minimi per i servizi di progettazione e la…