Il primato di Brescia

on .

COGENERAZIONE E TELERISCALDAMENTO

di Rosa Filippini

Mentre l’emergenza rifiuti si diffonde in molte zone del paese, sarebbe utile far conoscere l’esperienza bresciana, con l’inceneritore che produce elettricità e calore nel cuore stesso della città. Si aiuterebbe così la campagna elettorale a liberarsi dalla demagogia e i partiti a entrare nel merito dei problemi.

Soggetti e competenze

on .

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

di Maria Belvisi

Periodicamente, con un frequenza altissima, balzano agli onori della cronaca notizie e fatti riguardanti la raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani. Tutti ricordano le immagini di Napoli e quelle più recenti di Palermo, tutti hanno seguito l’evolversi della situazione di Roma che non si è ancora conclusa. Queste vicende, come altre meno conosciute ma altrettanto gravi esistenti sul nostro territorio, sono oggetto di apposite inchieste da parte della Magistratura e della Commissione parlamentare sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti...

Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2011

on .

21 novembre 2011

Gli Amici della Terra, “Ente gestore delle Riserve naturali regionali del Lago di Tarsia e della Foce del Crati, attraverso il proprio Centro di Esperienza Ambientale “A Scuola nelle Riserve“ della Rete INFEA aderiscono, in qualità di “Project developer” alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2011.

Dacci oggi il nostro spreco quotidiano

on .

LA RISORSA RIFIUTI GETTATA VIA

di Davide Tabarelli*

Uno spreco gigantesco – oltre i 4 miliardi di euro – che si rinnova ogni anno, ogni giorno, buttando in discarica i rifiuti urbani invece di bruciarli. I paesi che hanno chiuso le discariche lo hanno fatto solo grazie a un massiccio ricorso al recupero energetico. 

Rischio di abbandono per i rifiuti tecnologici a causa di una burocrazia inefficiente

on .

Milano 5 Novembre 2010 

Problemi per il sistema che prevede l’obbligo da parte dei commercianti di ritirare i vecchi rifiuti tecnologici dai clienti. Una volta raccolti vecchi telefonini, computer e elettrodomestici (in cambio del nuovo acquisto), i rivenditori dovrebbero portare i rifiuti hi-tech presso le piazzole comunali. Ma il Governo e molte Regioni (tra cui la Lombardia), hanno interpretato burocraticamente la norma. Oggi l’accesso alle piazzole pubbliche è consentito solo se queste sono autorizzate in “semplificata” (in virtù di una semplice comunicazione alla Provincia) e non in “ordinaria” (procedura più complessa).